di Zaira Fusco

Nell’ambito del Maggio Teatino 2017 Kiwanis Club Pescara presenta La Sorgente Nascosta, spettacolo del Teatro Simurgh, in occasione della Giornata Internazionale della Famiglia.

Chang Fa Mei è una giovinetta dai lunghi capelli e dal cuore generoso. Vive in un luogo dove l’acqua è tanto scarsa che da secoli il suo popolo lotta per non soccombere definitivamente alla sete e alla grande difficoltà di coltivare la terra. Un giorno Chang Fa Mei scopre sul pendio della montagna una sorgente che salverebbe tutta la sua gente … se non fosse che il dio della montagna in persona non vuole condividere l’acqua con gli abitanti di quello sfortunato villaggio!…

Nota di regia: Gli attori entrano nello spazio scenico coperto di tappeti Kilim originali dell’Asia Centrale. Recitano alla maniera degli antichi narratori; le loro azioni si accompagnano di canti e danze. Raccontano una storia semplice, facile da seguire, ma intrisa di allegorie espresse in un linguaggio scenico che si rivolge contemporaneamente al corpo, alla mente e al sentimento degli spettatori. “La Sorgente Nascosta” scorre lieve tra suoni e immagini evocanti un immemore passato in cui certi racconti, detti con appropriata Arte, avevano il potere di indurre la comunità alla riflessione, alla comprensione di valori oggettivi e basilari dell’esistenza. Quando cioè, l’educazione alla volontà, al coraggio, alla solidarietà, alla pazienza, alla pace, si fondava su una pratica centrata esclusivamente sull’evoluzione interiore dell’essere umano.   Crediti: PRODUZIONE: Teatro Simurgh ORGANIZZAZIONE E COMUNICAZIONE: Zaira Fusco – Marco Passerini (cu_i comunicazione umanistica integrata) COSTUMI: Carla Robertson. ATTORI: Carla Robertson – Fiore Zulli FONTE DEL TESTO: Antica leggenda del popolo “Dong” del sud della Cina. MUSICA: Canzoni dalla tradizione popolare di Tibet, Vietnam, Giappone – F. Zulli. DRAMMATURGIA: Fiore Zulli REGIA: Fiore Zulli – Carla Robertson

Il Teatro Símurgh è stato fondato nel febbraio del 2005 a Quito, Ecuador, da Fiore Zulli e Carla Robertson, come fase successiva del progetto di ricerca e creazione teatrale che Fiore Zulli (artista italiano) iniziò nel 1996 in Bolivia, un anno dopo il suo arrivo in Sudamerica. La creatività del Teatro Simurgh ha a che vedere con una fusione di elementi provenienti da molte culture tradizionali di Asia, Africa, America ed Europa che confluiscono in un lavoro teatrale che Fiore Zulli ha chiamato “In cerca dell’Attore Antico per un Teatro Moderno”. Il risultato è un linguaggio scenico contemporaneo che aspira alla chiarezza nella comunicazione con ogni pubblico.

Be the first and rate this post Rate It

0

Author Review

0

Not rated yet. Users Rate

Summary:

Leave a Reply

  • (not be published)