di   Arci Comitato Provinciale di Chieti

La Via Verde, il percorso ciclopedonale sull’ex tracciato ferroviario da Ortona a San Salvo, sembra ormai in dirittura d’arrivo dopo tanti anni di attese e promesse.

I sindaci dei comuni coinvolti qualche settimana fa hanno sollevato la questione dello stato dell’ex tracciato, franato e in dissesto in vari punti (basti pensare a Torino di Sangro dove, in alcuni punti, praticamente l’ex tracciato non esiste più), e della sua futura gestione e manutenzione. La soluzione alle loro preoccupazioni, lo sottolineiamo e ricordiamo da anni, ci sarebbe se non fosse che è fermo da 16 anni: il Parco Nazionale della Costa Teatina. E’ un treno, quello del Parco, che il nostro territorio sta perdendo. In questi 16 anni sono state perse occasioni di finanziamenti e investimenti, valorizzazione e di sinergie tra territori. Nel 2012 la mancata conclusione dell’iter istitutivo (l’anno prima l’opposizione al Parco di amministratori e politici impedì di giungere alla perimetrazione di tutta l’area) portò alla perdita di almeno un milione e mezzo di euro, ovvero quanto era stato stanziato dal 2001 al 2007. Il Parco può essere lo strumento di recepimento fondi, anche dall’Unione Europa, e permette di mettere a sistema un territorio – quello della Costa dei Trabocchi – ancora troppo legato a campanilismi e ad una politica di corto respiro, attenta a clientele e collettori di voti ma solo raramente ad una visione più ampia e proiettata al futuro.

E’ stato perso fin troppo tempo. Ma è ancora possibile restituire alla collettività il Parco. Bloccato non da chissà quale destino avverso ma da una specifica azione politica di sindaci e partiti politici. Il commissario De Dominicis aveva concluso la perimetrazione del Parco, consegnando tutta la documentazione al Ministero. Ormai manca solo una firma, quella sul decreto finale d’istituzione e il Parco potrà iniziare a camminare. Ma i sindaci, dopo che per anni non vi sono riusciti (e spesso non hanno voluto), hanno (dopo non essersi espressi per i mesi di lavoro del commissario) incredibilmente deciso di “bocciare” l’unica perimetrazione completa redatta da un’Istituzione in tanti anni, avviando una decisa azione di pressione politica. Un’azione raccolta e fatta propria anche dalla Regione, con il voto in Consiglio Regionale (con il voto favorevole delle opposizioni, Movimento 5 Stelle in primis) di una risoluzione nel settembre 2015 che ha chiesto al Governo di non firmare il decreto e “bocciare” il lavoro del commissario.

Ora i sindaci, quando la Via Verde sembra finalmente vicina alla realizzazione, hanno lanciato questo grido d’allarme. Le istituzioni non hanno il compito di “gridare” ma di trovare soluzione per la collettività e la difesa del territorio, non hanno mai pensato al fatto che una pista ciclabile all’interno di un Parco nazionale diventa, appunto, di competenza nazionale anche nella manutenzione? Non è possibile che, sulle questioni ambientali, ci sia sempre il rischio di tornare indietro e non si possa mai avanzare. Se la preoccupazione è reale, se non ci sono calcoli elettorali e di schieramento, la proposta che facciamo ai sindaci è di interrompere immediatamente l’azione di pressione che blocca il Parco e di far pervenire al Governo la volontà di vedere il prima possibile la firma da troppo tempo attesa.

Arci Comitato Provinciale di Chieti

Be the first and rate this post Rate It

0

Author Review

0

Not rated yet. Users Rate

Summary:

Leave a Reply

  • (not be published)